Logo de l'OEP

La francofonia in Canada: un vantaggio per tutti i cittadini

Mis à jour : 17 Jui 2018

Fonte:Partie Libéral du Québec

Tradotto da: Francesco Maria Froldi

Immigrazione francofona, un vantaggio per tutti i canadesi

L'immigrazione francofona è senza alcun dubbio essenziale per la vitalità delle comunità francofone e dell’Acadie, oltre che per la diversità culturale e linguistica del Canada.

È anche, e soprattutto, un beneficio per tutti i canadesi, non solo per i francofoni.

Il Canada, con le sue due lingue ufficiali, ha un vantaggio comparativo che pochi altri paesi hanno la fortuna di avere. Lafrancofonia canadese offre una finestra sul mondo francofono a tutti i canadesi. L'immigrazione francofona non è la risposta alla domanda di un particolare gruppo di cittadini, ma è un contributo concreto alla prosperità e al futuro di tutti i canadesi.

Siamo 10,5 milioni di Francofoni e francofili in Canada. Nel mondo, siamo 275 milioni. A causa del rapido sviluppo dell'Africa, dovremmo essere 700 milioni nel 2050.

Il francese è, con l'inglese, l'unica lingua parlata in tutti e cinque i continenti e, dopo l'inglese, la lingua parlata straniera più insegnata al mondo. Il francese non è una lingua obsoleta. È una lingua del futuro. Il francese è un regalo offerto al Canada dai 10,5 milioni di canadesi che lo parlano.

Riuscire nell'immigrazione francofona significa decidere di spalancare questa finestra che abbiamo sul mondo francofono. Esempre più persone vogliono farlo. Il nostro progresso economico, sociale, culturale e diplomatico ha questo prezzo.

Nel 2016, i primi ministro delle Provincie e dei Territori hanno affrontato per la prima volta la questione al Consiglio della Federazione e hanno fissato un obiettivo di immigrazione francofona del 5% al ​​di fuori del Québec.

Nel 2017, per la prima volta in 150 anni, i ministri canadesi dell’Immigrazione e della Francofonia si sono incontrati durante un forum sull'argomento. Poi, il 2 marzo scorso, i membri di questo forum congiunto si sono incontrati per la seconda volta. In questa occasione è stato adottato un piano d'azione e il governo federale ha annunciato la sua disponibilità a lanciare nuove iniziative a sostegno della sua attuazione.

Il 22 marzo, gruppi di persone tra gli immigrati francofoni e i rappresentanti di tutte le amministrazioni del governo canadese saranno a Calgary per il Simposio sull'immigrazione francofona. Questa sarà l'occasione per discutere le modalità della collaborazione, essenziale per l'attuazione del piano d'azione.

È chiaro che le comunità francofone e le loro istituzioni sono al centro del successo dell’integrazione e del mantenimento di questa immigrazione, un contributo demografico vitale per la francofonia canadese.

I ministri canadesi direttamente interessati, ovvero la conferenza ministeriale sulla francofonia canadese e il Forum dei ministri responsabili dell'immigrazione hanno manifestato la loro intenzione di seguire da vicino le conclusioni di questo simposio. Sappiamo tutti quanto sia importante per l’insieme dei canadesi, indipendentemente dalla lingua che parlano.

Un po' ovunque sul pianeta, i popoli si stanno ponendo degli obiettivi per parlare più di una sola lingua.

Il presidente francese Emmanuel Macron affermò lo scorso autunno che entro il 2024 tutti i laureati dovrebbero parlare più di una lingua europea. Inoltre, l'85% degli europei concorda sul fatto che tutti i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea dovrebbero essere in grado di parlare almeno una lingua straniera.

Con l'accresciuta importanza della migrazione, sapevamo già che questo secolo sarebbe stato plurinazionale. Sarà, così, anche multilingue. Il Canada resterà dietro ad altri paesi o si posporrà davanti a loro?

Il paese che ha già il vantaggio di essersi dato due lingue ufficiali, saprà coglierne tutti i frutti?

Di Jean-Marc Fournier

Membro del Parlamento per Saint-Laurent

Ministro responsabile per le elazioni canadesi e la Francofonia canadese

Leader parlamentare del Governo

21 marzo 2018

 

Google Analytics Alternative