Logo de l'OEP
Logo de l'OEP

Textes de référence

Documento d'archivio: La Dichiarazione sull'identità europea (Copenaghen 14 dicembre 1973). Da rileggere assolutamente oggi!


Ultima modifica: 24 Gen 2017

Al Vertice europeo di Copenaghen (14-15 dicembre 1973), i Capi di Stato e di Governo dei futuri Nove hanno affermato la loro volontà di introdurre il concetto di identità europea nelle loro relazioni esterne comuni.
Fonte: Bollettino delle Comunità europee. Dicembre 1973, 12 dicembre 1973, Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni.
Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. "Dichiarazione sull'identità europea", pp. 127-130.
Copyright: (c) Unione Europea, 1995-2013.
URL: http://www.cvce.eu/obj/declaration_sur_1_identite europeennecopenhaguc l4decembrel 973 -en-02798dc9-9c69-4b7d-b2c9-fO3a8db7da32.html
Data dell'ultimo aggiornamento: 18/12/2013

I nove paesi membri delle Comunità europee hanno ritenuto che fosse giunto il momento di redigere un documento sull'identità europea che consentisse, tra l'altro, di definire più chiaramente le loro relazioni con gli altri paesi del mondo e le responsabilità che si assumono e il posto che occupano negli affari mondiali. Hanno deciso di definire questa identità in una prospettiva dinamica e con l'intenzione di approfondirla in una fase successiva alla luce dei progressi compiuti nella costruzione europea.
L'approccio alla definizione dell'identità europea sta tornando:
- identificare il patrimonio comune, gli interessi, gli obblighi particolari dei Nove e lo stato del
processo di unificazione nella Comunità,
- mettere in discussione il grado di coesione già raggiunto nei confronti del resto del mondo e le responsabilità che ne derivano,
- per tener conto della natura dinamica dell'integrazione europea.

I. La coesione dei nove Stati membri della Comunità
1. I nove Stati europei, il cui passato e la cui egoistica difesa di interessi fraintesi avrebbe potuto portare alla divisione, avendo superato i loro antagonismi, hanno deciso di unirsi, elevandosi al livello dei bisogni fondamentali europei, per garantire la sopravvivenza di una civiltà comune a tutti loro.
Desiderose di garantire il rispetto dei valori giuridici, politici e morali a cui sono legate, desiderose di preservare la ricca varietà delle loro culture nazionali, condividendo la stessa concezione della vita, basata sulla volontà di costruire una società concepita e costruita al servizio dell'umanità, intendono salvaguardare i principi della democrazia rappresentativa, dello stato di diritto, della giustizia sociale - obiettivo del progresso economico - e del rispetto dei diritti umani, che sono elementi fondamentali dell'identità europea. I Nove sono convinti che questo impegno corrisponda alle profonde aspirazioni dei loro popoli e debba essere perseguito con la loro partecipazione, in particolare da parte dei loro rappresentanti eletti.
2. I Nove hanno la volontà politica di portare a buon fine l'integrazione europea.
Sulla base dei trattati di Parigi e di Roma che istituiscono le Comunità europee e sulla base di atti successivi, hanno creato un mercato comune, basato su un'unione doganale, hanno creato istituzioni e sviluppato politiche e meccanismi di cooperazione comuni che sono parte integrante dell'identità europea. Sono determinati a salvaguardare gli elementi costitutivi della loro unità e gli obiettivi fondamentali del loro sviluppo futuro definiti ai vertici di La Raye e di Parigi.
Sulla base dei rapporti di Lussemburgo e di Copenaghen i nove governi hanno istituito un sistema di cooperazione politica al fine di raggiungere atteggiamenti concertati e, per quanto possibile e auspicabile, un'azione comune. Essi intendono sviluppare ulteriormente questa cooperazione.
Conformemente alle decisioni della Conferenza di Parigi, i Nove riaffermano la loro intenzione di trasformare le loro relazioni nel loro insieme in un'Unione europea prima della fine del decennio in corso.
3. Questa varietà di culture all'interno di un'unica civiltà europea, questo attaccamento a valori e principi comuni, questo riavvicinamento delle concezioni della vita, questa consapevolezza di avere interessi specifici in comune e questa determinazione a partecipare alla costruzione dell'Europa conferiscono all'identità europea il suo carattere originale e il suo dinamismo.
4. La costruzione dell'Europa intrapresa dai nove Stati membri della Comunità è aperta ad altre nazioni europee che condividono gli stessi ideali e obiettivi.
5. I paesi europei hanno sviluppato, nel corso della loro storia, legami molto stretti con molte altre parti del mondo. Queste relazioni sono naturalmente destinate ad evolversi costantemente, ma sono comunque una garanzia di progresso e di equilibrio internazionale.

6. Mentre in passato i Paesi europei hanno potuto svolgere un ruolo importante sulla scena internazionale individualmente, oggi i problemi internazionali difficilmente possono essere risolti da ciascuno di essi da solo. I cambiamenti nel mondo e la crescente concentrazione di poteri e responsabilità nelle mani di poche grandi potenze significa che l'Europa deve unirsi e parlare sempre più con una sola voce se vuole far sentire la sua voce e svolgere il ruolo che le spetta a livello globale.
7. La Comunità, che è il principale attore del commercio mondiale, non può essere un'entità economica chiusa. Strettamente legata al resto del mondo in termini di forniture e di mercati, la Comunità, pur mantenendo il controllo della sua politica commerciale, intende esercitare un'influenza positiva sulle relazioni economiche mondiali al fine di migliorare il benessere di tutti.
8. I Nove, il cui obiettivo essenziale è il mantenimento della pace, non lo raggiungeranno mai trascurando la propria sicurezza. Coloro che sono membri dell'Alleanza Atlantica che non esiste un "dividendo di pace".
Non ha attualmente alcuna alternativa alla sicurezza fornita dalle armi nucleari statunitensi e alla presenza delle forze nordamericane in Europa; e concordano sul fatto che, data la sua relativa vulnerabilità militare, l'Europa deve, se vuole preservare la sua indipendenza, onorare i suoi impegni e garantire, in uno sforzo costante, una difesa adeguata.

II. L'identità dell'Europa in relazione al mondo
9. L'Europa dei Nove è consapevole dei doveri internazionali che le sono imposti dalla sua unificazione. Questa unificazione non è diretta contro nessuno e non è ispirata da alcun desiderio di potere. Al contrario, i Nove sono convinti che la loro unione sarà benefica per la comunità internazionale nel suo insieme, costituendo un elemento di equilibrio e un polo di cooperazione con tutte le nazioni, qualunque sia la loro dimensione, cultura o sistema sociale. Essi intendono svolgere un ruolo attivo negli affari mondiali e quindi contribuire, in conformità agli scopi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite, alla promozione della giustizia nelle relazioni internazionali, al mantenimento dell'indipendenza e dell'uguaglianza degli Stati, all'aumento della prosperità condivisa e al rafforzamento della sicurezza individuale. Ciò dovrebbe portare gradualmente i Nove a definire posizioni comuni nel campo della politica estera.
10. Man mano che la Comunità sviluppa una politica comune nei confronti dei paesi terzi, si ispirerà ai seguenti principi:
a. I Nove, in qualità di entità separata, cercheranno di promuovere relazioni armoniose e costruttive con questi Paesi; tali relazioni non devono compromettere, ritardare o influenzare la loro volontà di progredire, entro i termini previsti, verso l'Unione Europea.
b. Nelle future trattative tra i Nove, collettivamente, e gli altri Paesi, i quadri e le procedure scelte devono permettere di rispettare il carattere specifico dell'entità europea.
c. Nei loro contatti bilaterali con altri paesi, gli Stati membri della Comunità si baseranno sempre più spesso su posizioni comuni stabilite tra loro.
11. I Nove intendono rafforzare, nell'ambito dei quadri esistenti, i loro legami con i Paesi membri del Consiglio d'Europa e con altri Paesi europei con i quali esistono già stretti rapporti di amicizia e cooperazione.
12. I Nove attribuiscono un'importanza fondamentale alla politica di associazione della Comunità.
13. La Comunità garantirà l'attuazione degli impegni assunti con i paesi del bacino del Mediterraneo e dell'Africa al fine di rafforzare i legami di lunga data con tali paesi.
I Nove desiderano conservare i loro legami storici con tutti i paesi del Medio Oriente e cooperare per stabilire e mantenere la pace, la stabilità e il progresso in quella regione.
14. Gli stretti legami tra gli Stati Uniti e l'Europa dei Nove, che condividono valori e aspirazioni basate su un patrimonio comune, sono reciprocamente vantaggiosi e devono essere preservati. Esse non influiscono sulla determinazione dei Nove ad affermarsi come entità distinta e originale. I Nove intendono mantenere il loro dialogo costruttivo con gli Stati Uniti e sviluppare la loro cooperazione con gli Stati Uniti su una base di uguaglianza e in uno spirito di amicizia.
15. I Nove rimangono impegnati in una stretta cooperazione e in un dialogo costruttivo con altri Paesi industrializzati, come il Giappone e il Canada, il cui ruolo è essenziale per il mantenimento di un ordine economico mondiale aperto ed equilibrato. Essi accolgono con favore la proficua cooperazione con questi Paesi, in particolare all'interno dell'OCSE.

16. I Nove, che hanno contribuito, sia con la loro azione che con il loro sforzo congiunto, ai primi risultati di una politica di distensione e di cooperazione con l'URSS e gli altri Paesi dell'Europa dell'Est, si sforzano di svilupparla, sulla base della reciprocità.
17. I Nove, consapevoli del ruolo importante della Cina nelle relazioni internazionali, intendono intensificare le relazioni con il governo cinese e promuovere gli scambi nei vari campi e i contatti tra i leader europei e cinesi.
18. I Nove sono anche consapevoli dell'importante ruolo che devono svolgere i vari Paesi asiatici. Essi sono determinati a sviluppare le loro relazioni con questi Paesi, come dimostra, in ambito commerciale, la dichiarazione d'intenti fatta dalla Comunità in occasione del suo allargamento.
19. I Nove, che tradizionalmente intrattengono relazioni amichevoli e scambi di ogni genere con i Paesi dell'America Latina, intendono sviluppare queste relazioni. A questo proposito, essi attribuiscono grande importanza agli accordi conclusi tra le Comunità europee e alcuni paesi dell'America Latina.
20. Non ci può essere una vera pace se i Paesi sviluppati non prestano maggiore attenzione ai popoli meno favoriti. Sulla base di questa certezza e consapevoli delle loro particolari responsabilità e obblighi, i Nove attribuiscono grande importanza alla lotta contro il sottosviluppo nel mondo. Sono pertanto determinati a intensificare i loro sforzi nei settori del commercio e dell'assistenza allo sviluppo e a rafforzare la cooperazione internazionale a tal fine.
21. I Nove parteciperanno ai negoziati internazionali con spirito aperto, preservando gli elementi costitutivi della loro unità e i loro obiettivi fondamentali. Inoltre, i Nove sono determinati a contribuire al progresso internazionale non solo nelle loro relazioni con i Paesi terzi, ma anche attraverso le posizioni comuni che intendono assumere, ove possibile, nelle organizzazioni internazionali, in particolare le Nazioni Unite e le agenzie specializzate.

III. Il dinamismo dell'integrazione europea
22. L'identità europea è destinata ad evolvere in linea con le dinamiche della costruzione europea.
Nel campo delle relazioni esterne, i Nove cercheranno in particolare di definire gradualmente la loro identità nei confronti delle altre entità politiche. Così facendo, sono consapevoli di rafforzare la loro coesione interna e di contribuire allo sviluppo di una politica veramente europea. Sono convinti che la progressiva attuazione di questa politica sarà uno degli elementi essenziali per consentire ai loro paesi di affrontare con realismo e fiducia le fasi successive della costruzione europea, facilitando la prevista trasformazione delle loro relazioni globali in un'Unione europea.

Scarica il documento (fr)

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)